News
2016-08-05 10:18:47
Orari di Apertura MuMar e Parco dei Resti del Convento di S. Domenico

Mattina: dalle 9:00 alle 13:00

Pomeriggio: dalle 16:00 alle 20:00 (orario estivo)

                  dalle 15:00 alle 19:00 (orario invernale)

Storia

Il Museo dei Marmi (MUMAR)

Inaugurato nel 2009 il Museo dei Marmi (MUMAR) raccoglie buona parte dei frammenti lapidei provenienti dalle decorazioni che rivestivano la chiesa domenicana dedicata a San Domenico e in particolare dagli altari, realizzati nel corso del tempo. Si tratta, infatti, di opere concepite nel corso del Seicento e del Settecento tese ad esaltare l’importanza dell’immagine “celeste”, custodita nel santuario, raffigurante il Patriarca dell’Ordine, e commissionate dai vari priori, alcune delle quali realizzate con il sostegno di illustri mecenati e devoti. Dell’altare maggiore, consacrato nel 1640 e realizzato con il sussidio del re di Spagna, si conservano pochi elementi decorativi, fra cui l’allegoria della Religione, posta in origine sul timpano di coronamento dell’altare romano progettato da Martino Longhi. Seguono i numerosi brani scultorei provenienti dalla decorazione dei pilastri della navata della chiesa di cui si conservano numerosi frammenti di angeli e clipei con Santi e Beati dell’Ordine domenicano, opere del perugino Giuseppe Scaglia, eseguite tra il 1694 ed il 1709. L’artista ripropose la soluzione decorativa pensata da Gianlorenzo Bernini per la decorazione della basilica vaticana. Inoltre si conservano tre significativi busti marmorei, alcuni dei quali frammentari e di forte impronta berniniana. Numerosi, inoltre, i brani lapidei identificati come provenienti dall’imponente altare maggiore settecentesco, eseguito su progetto di Carlo Marchionni, realizzati a Napoli da Francesco Raguzzini e dagli scultori Antonio Corradini, Matteo Bottigliero e Francesco Pagano. A questi ultimi in particolare si devono le numerose statue di corredo dell’altare, fra cui quelle monumentali di San Tommaso e San Vincenzo Ferrer. (Mario Panarello)

POR CALABRIA FESR 2007/2013 L.I. 5.2.5.1
Avviso Pubblico Valorizzazione BBCC-II Edizione

ASSE V - RISORSE NATURALI, CULTURALI E TURISMO SOSTENIBILE

Obiettivo Specifico 5.2 - Valorizzare i beni e le attività culturali quale vantaggio comparato dalla regione Calabria per aumentare l'attrattività territoriale, per rafforzare la coesione sociale e migliorare la qualità della vita dei residenti.